Image Alt
Panettone alla Milanese

Ansat Marche

Olive all’ascolana

L’oliva all’ascolana deve il suo nome alla città di Ascoli Piceno. Rappresentano una specialità gastronomica del territorio ascolano e sono uno dei piatti più rappresentativi delle Marche e nello specifico del piceno. L’origine di questo prodotto tipico è dei primi dell’ottocento, come si evince dalle ricerche dell’ascolano Benedetto Marini. A quel tempo i cuochi delle famiglie nobili, si misero d’accordo per inventare il ripieno dele olive, per consumare le notevoli quantità di regalie (derivanti dai vari diritti sui terreni) dovute alla maggiorazione che gravava sui contadini verso i loro padroni.

 

Notevoli estimatori di questo prodotto tipico ascolano si annoverano tra nomi conosciuti, come, Giacomo Puccinie Gioacchino Rossini che addirittura se le faceva spedire a Parigi. Un altro celebre nome è quello di Giuseppe Garibaldi che ebbe modo di assaggiarle durante il suo breve soggiono ascolano il 25 Gennaio 1849, il generale colpito dal gusto delle olive provò anche a coltivarle a Caprera, senza però riuscirci.

 

Tra nomi imponenti e culture popolari le olive all’ascolana arrivano oggi nei nostri piatti deliziandoci con il sapore, che da oggi, sappiamo provenire da molto lontano.